martedì 25 luglio 2017   
  Cerca  
 
wwwalkemia.gif
  Login  
Controinformazione » CURCIO A MODENA  

CURCIO A MODENA PER IL SUO ‘CARCERE SPECIALE’
di Linda Pastorelli


Erano tante le persone che sabato 31 marzo affollavano la sede del Laboratorio ‘S.C.O.S.S.A.’ di Via Carteria. Persone di ogni età e ceto raccolte per ascoltare il lavoro di ricerca di uno dei personaggi sicuramente più discussi della nostra recente storia. Renato Curcio, ex-fondatore delle Brigate Rosse insieme a Margherita Cagol e ad Alberto Franceschini, è stato invitato nella nostra città per presentare il volume ‘Il carcere speciale’ pubblicato dalla case editrice ‘Sensibili alle Foglie’.

Curcio 1.jpg 

Arrestato nel settembre del 1974, Curcio ha scontato il lungo periodo di detenzione (fino al 1993) senza sconti di pena. Oggi è un uomo libero e da ben 14 anni svolge il lavoro di ricercatore all’interno della cooperativa ‘Sensibili alle Foglie’, di cui è direttore editoriale, e con cui ha pubblicato una serie di lavori in seno al Progetto Memoria. Il Progetto memoria è una vasta ricerca sull’esperienza armata di sinistra degli anni ’70. Questa ricerca abbraccia principalmente il ventennio ’69 – ’89 ed è basata su un rigoroso esame di fonti documentarie certe e su metodologie socio-statistiche, bibliografiche e antropologiche. In totale sono stati cinque i volumi pubblicati relativi ad altrettante ricerche svolte in questi anni, sempre seguendo una logica espositiva e non interpretativa (La mappa perduta del 1994, Sguardi ritrovati del 1995, Le parole scritte del 1996, Le torture affiorate del 1998 e Il carcere speciale del ).

Curcio 2.jpg

Il valore di questo importante e corposo lavoro è quantificabile anche dalle tante tesi di laurea collegate (se ne contano circa 150) e dal fatto che Curcio sia stato invitato a presentarlo in decine di università italiane e straniere. Purtroppo la maggior parte del corpo politico modenese non ha considerato allo stesso modo questa importante testimonianza storica su anni che appartengono alla memoria collettiva ma che troppo spesso sono dimenticati o, ancora peggio, ignorati. Le dichiarazioni si sono susseguite feroci nei giorni precedenti l’arrivo di Curcio in città, sia da destra che da sinistra. Si è gridato all’oltraggio, all’offesa pubblica, all’indecenza. Il sindaco di Modena, Pighi, ha persino tacciato i contenuti delle ricerche svolte come gravi e tendenti alla ricostruzione di un nuovo nemico di classe! Dimenticando però che i lavori sono interamente supportati da fonti documentarie sicure e provate e, tutte le volte che sono stati presentati alle istituzioni per testare l’autenticità delle esperienze raccontate e consentire così la loro eventuale replica, nessuno a mai proferito parola o condannato la ricerca. Alcuni di questi lavori parlano di temi scottanti, come nel caso di ‘Le torture affiorate’. La ricerca ha portato alla luce l’utilizzo della tortura nelle carceri italiane (sono stati documentati più di 70 casi), per sei mesi, dopo il sequestro del generale Dozier avvenuto nel dicembre del 1981. Grazie alle deposizioni di alcuni poliziotti è stata verificata l’attendibilità, purtroppo solo di alcune testimonianze dei torturati ed, in cassazione, è stato tutto confermato. Anche questo lavoro, così delicato ed ostico è stato presentato alle istituzioni ed ai parlamentari, nessuno ha mai avuto nulla da eccepire. L’ultimo lavoro ‘Il carcere speciale’ parla invece dell’istituzione carceraria e dei cambiamenti che l’hanno attraversata tra il 1969 e 1989. La ricerca indaga anche le diverse strategie, le differenti modalità di stare in prigione dei soggetti incarcerati in questo periodo storico. I documenti presentati provengono da diverse fonti quali i diari dei detenuti, i documenti di fonte istituzionale, cioè quelli dell’amministrazione penitenziaria e i testi delle leggi fatte di conseguenze. Partendo dai primi militanti politici finiti in un carcere, quello della fine degli anni ’60, che ancora era regolato dal codice carcerario fascista del 1931, Curcio ha accompagnato i presenti attraverso le lotte, i pentimenti, le riforme, l’istituzione dei ‘braccetti della morte’, le reti, i comitati che hanno caratterizzato la storia dei carceri/carceri speciali italiani. Mentre intorno si scatenava la follia da attacco terroristico. Agenti in assetto antisommossa e con le camionette in Sant’Eufemia, agenti della Digos in borghese nelle strade attigue, perquisizioni sommarie a chi passava in zona. Per fortuna, alla fine, nulla è successo e tutto è proceduto nel migliore dei modi.

Ascolta la conferenza di Renato Curcio a Modenamp34.gif

DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation