martedì 19 settembre 2017   
  Cerca  
 
Passa qui con il mouse e quindi clicca sulla toolbar per aggiungere il contenuto
  Login  
Controinformazione » Il diritto di essere italiani  

METISSAGE 2011
IL DIRITTO DI ESSERE ITALIANI

Enrico Gatti (Alkemia) intervista il regista
Fred Kuwornu* autore del documentario “18 IUS SOLI”.


“18 IUS SOLI” (trailer) è il primo documentario grass-roots ad affrontare il tema del diritto di cittadinanza per chi è nato e cresciuto in Italia da genitori immigrati. Vincitore del Premio Mutti, diretto  e prodotto nel 2011 dal regista bolognese Fred Kuwornu, racconta con il linguaggio della docu-fiction la storia di alcuni "nuovi Italiani" , ma al tempo stesso promuove il dibattito legislativo e culturale sul diritto di cittadinanza per chi nasce in Italia sebbene da genitori immigrati.


Con Seconda Generazione, per lo più in forma plurale (Seconde Generazioni), si è soliti intendere nell'ambito delle scienze e delle politiche sociali la generazione costituita dai figli di immigrati. Un focus sulle cosiddette Seconde Generazioni, ragazzi nati in Italia, figli di immigrati: studiano nel nostro Paese, parlano la nostra lingua e i nostri dialetti, molto probabilmente non sono nemmeno mai stati nel paese d'origine dei loro genitori né spesso  ne parlano la lingua. Eppure non sono riconosciuti cittadini italiani come tutti gli altri. Per ottenere la Cittadinanza italiana devono infatti sottoporsi - al compimento del 18° anno di età ad un iter burocratico lungo e complesso, che non sempre termina con esiti positivi per il richiedente, con conseguenti e inevitabili gravi problemi di inserimento sociale e di identità. L'iniziativa si propone di amplificare l'informazione su una contraddizione politica e sociale e insistere sulla necessità di  una riforma della legge sulla Cittadinanza n. 91/1992 per eliminare una ingiusta disuguaglianza tra cittadini italiani.
Sono ad oggi, infatti, circa 530.000 gli immigrati di seconda generazione che vivono tale disagio, un fenomeno destinato a crescere in modo esponenziale nei prossimi anni, dato che le nuove nascite si attestano su circa 50.000 l'anno. E' una questione di civiltà; come nel resto di gran parte d'Europa, è ormai il caso di adottare anche in Italia il concetto giuridico dello "ius soli", in sostituzione di quello superato dello "ius sanguinis”.

 



Su questo argomento anche la redazione di ALKEMIA ha realizzato un indagine “DIVERSAMENTE MODENESI” basata su interviste audio realizzate dagli studenti modenesi dell’istituto Deledda di Modena sulla situazione degli immigrati di seconda generazione presente in città.



* Fred Kuwornu, nato e cresciuto a Bologna, è un regista- produttore di origini ghanesi. Verso la fine degli anni 80’ inizia a collaborare come autore e conduttore delle principali emittenti radiofoniche dell’Emilia e del Veneto. Nel 2002 , dopo aver studiato  regia e sceneggiatura con il maestro Ferdinando De Laurentis firma e produce il suo  primo cortometraggio "Natale in Autogrill" che viene presentato in finale al Festival dei Due Mondi di Spoleto. Nello stesso anno produce un video clip per la manifestazione di Amnesty  International Italia : Voci per la libertà. Dal 2003 ha lavorato come autore  televisivo in Rai per diverse edizioni nel programma “Italia Che Vai” condotto da Ilaria D’Amico , Luca Giurato e Paolo Brosio e varie società di produzione televisive come Endemol.
Nel 2007 viene scelto dal regista americano Spike Lee per lavorare all'interno della crew del film "Miracolo a Sant’ Anna" , questo  incontro, ispira Fred a dirigere e produrre il docufilm " Inside  Buffalo" progetto internazionale sulla storia della 92^ Divisione“ Buffalo Soldiers”di soldati afroamericani che combatterono durante la Seconda Guerra Mondiale in Toscana.

Campogalliano, 29/6/11

 

DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation