lunedì 23 ottobre 2017   
  Cerca  
 
wwwalkemia.gif
  Login  
Controinformazione » Morte di Federico Aldrovandi  

Morte di Federico Aldrovandi. Si infittisce il mistero sul ruolo dei poliziotti.

Il 25 giugno scorso la trasmissione 'Chi l'ha visto' ha mandato in onda la testimonianza di una persona che, la notte del 25 settembre 2005, avrebbe assistito al pestaggio di Federico Aldrovandi, ad opera di quattro poliziotti. Dopo le percosse subite, il diciottenne morì, senza che nessuno alzasse un dito per aiutarlo. Tantomeno gli agenti di polizia Anzi, la loro prima mossa fu quella di diffondere la notizia che il ragazzo era morto a causa delle sostanze stupefacenti che aveva assunto. Il loro intervento era soltanto finalizzato a fermare un ragazzo che urlava e sbatteva la testa contro un palo, in una calda alba ferrarese di fine settembre. Per molto tempo il paese ha convissuto con questa facile verità. In pochi si sono chiesti come era possibile che si sapesse già la causa della morte il giorno del funerale e cioè cinque mesi prima del risultato dell'autopsia.

Federico_Aldrovandi.jpg

Dopo quasi due anni da quella tragica notte, un testimone getta nuova luce sulla vicenda. "'Ho visto quando hanno iniziato a picchiarlo. Ha preso tante di quelle botte, picchiavano e picchiavano... Ma quante botte ha preso». Questa una delle frasi più significative della testimonianza. Federico, con tutta probabilità, è morto a causa dello schiacciamento del torace e dei colpi infertogli con i manganelli dagli agenti di polizia. Se la misteriosa persona troverà la forza di depositare la propria testimonianza il processo potrebbe prendere una nuova svolta. Nel frattempo, Monica Segatto, Pontani Enzo, Forlani Paolo e Pollastri Luca sono stati rinviati a giudizio (l'udienza è fissata per il 19 ottobre prossimo) e 'dovranno rispondere di omicidio colposo per avere cagionato o comunque concorso a cagionare il decesso di Federico omettendo di prestare le prime cure pur in presenza di richiesta espressa da parte di Aldrovandi che in più occasioni aveva invocato “aiuto” chiedendo di interrompere l’azione violenta con la significativa parola “basta”, mantenendolo ormai agonizzante, in posizione prona ammanettato, così rendendone più difficoltosa la respirazione', come si legge nella richiesta di rinvio a giudizio firmata dal pm Nicola Proto e dal Procuratore capo Severino Messina. Di seguito è riportata la registrazione della trasmissione di Rai 3 con la nuova testimonianza e l'intervento della madre di Federico, Patrizia Moretti. L'opinione pubblica cominciò ad interessarsi alla vicenda soprattutto dopo che Patrizia, un anno e mezzo fa, creò un blog (federicoaldrovandi.blog.kataweb.it) che diventò a breve un caso nazionale e contribuì a fare riaprire l'inchiesta..

Servizio tratto dalla trasmissione “Chi l’Ha Visto”  mp34.gif frecce_02.gif


DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation