lunedì 23 ottobre 2017   
  Cerca  
 
wwwalkemia.gif
  Login  
Controinformazione » Sky denuncia Mediaset  

Berlusconi: “Giornali e tv un covo di farabutti”,

intanto Sky denuncia Mediaset

 La tv del Presidente del Consiglio non si accontenta di dominare il mercato dell’informazione nazionale e di utilizzare i suoi giullari di corte a capo di quotidiani e tv per attaccare chi prova a criticalo. Non gli basta che la sua RAI impedisca a Report di avere la copertura legale della tv di stato, che l’inizio di Anno Zero continui ad essere rinviato per “cavilli” contrattuali e che Ballarò debba lasciare il posto al buon Bruno Vespa per documentare la consegna delle case ai terrremotati dell'Abruzzo tra  l’altro realizzate dalla regione Trentino e dalla Croce Rossa Italiana.

Ora vuole impedire a Sky di poter svolgere la sua attività sul suolo Italiano. Ovviamente un problema oggettivo c’è: non solo si aggiudica una parte importante di pubblicità ma svolge una sana concorrenza ai canali digitali del Gruppo Mediaset .

E’ da tempo che la diatriba tra i due colossi dell’informazione va avanti. Si è cominciato con l’aumento dell’IVA per gli abbonati, si è poi passato alla futura disdetta dei canali satellitari di Mediasete e Rai, che passeranno sul digitale terrestre e alla possibile prossima scomparsa, nei primi mesi del 2010, dalla medesima piattaforma anche dei canali dei medesimi gruppi oggi ancora in chiaro. Uno scandalo sul quale alcune perplessità sono state avanzate anche dal Presidente delle Repubblica che ha ricordato che la concessione a Sky fu accordata proprio con l’obbligatorietà di trasmettere i canali di Stato. Obiettivo: consentire a tutti gli italiani di poter vedere la Rai anche in zone dove i suoi ripetitori non coprivano.

Ora la “guerra” fra i due competitor commerciali della nostra televisione passa dagli schermi alle aule di tribunale. A decidere il cambio di strategia, più aggressiva, è la News Corporations di Rupert Murdoch che ha denunciato Mediaset per violazione delle regole sulla concorrenza comunitarie e delle norme italiane in materia di comunicazioni.

Il motivo del contendere il fatto che alcune società, legate al gruppo Mediaset, hanno rifiutato l’acquisto di spazi pubblicitari nei quali Sky intendeva promuovere le sue offerte.

Secondo le prime ricostruzione Sky avrebbe denunciato sia Rti che Publitalia perché avrebbero impedito al gruppo di Murdoch di acquistare spazi pubblicitari su Canale 5, Italia 1 e Rete 4. Questo, secondo News Corporations, costituirebbe una violazione delle norme Ue sulla concorrenza. Nel dettaglio l’articolo 82 del trattato CE che vieta lo sfruttamento abusivo di una posizione dominante e si applica alle seguenti condizioni:

  • l'impresa detiene una posizione dominante, tenendo conto della sua quota di mercato nonché di altri fattori, quali la presenza di concorrenti credibili, l'esistenza di una rete di distribuzione propria, l'accesso privilegiato alle materie prime e così via, fattori che complessivamente consentono all'impresa di sottrarsi alle normali regole della concorrenza;
  • l'impresa domina il mercato comune europeo o una sua "parte sostanziale".
  • l'impresa abusa della propria posizione dominante, ad esempio praticando prezzi troppo elevati o prezzi troppo bassi per escludere dal mercato i concorrenti o i nuovi operatori o accordando a taluni clienti vantaggi discriminatori.

La Commissione europea o le autorità nazionali garanti della concorrenza hanno il potere di vietare questi abusi e di infliggere ammende alle imprese responsabili.

Lo scontro è appena cominciato e siamo solo alla vigilia di un importante manifestazione per la libertà di stampa.

16/09/09

 
DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation