martedì 25 luglio 2017   
  Cerca  
 
wwwalkemia.gif
  Login  
Controinformazione » Storia Monsanto  

MONSANTO

Storia di una multinazionale produttrice dalla saccarina al napalm ed infine alle piante manipolate

Dopo aver lavorato trent'anni nell'industria farmaceutica, nel 1901 John Fancis Queeny si mette in proprio e fonda la Monsanto, dal nome della moglie Olga Mendez Monsanto.
Queeny importa a San Louis, Missouri, una tecnica di fabbricazione tedesca del primo edulcorante naturale, la saccarina.

Nel 1905 l'intera produzione viene venduta a un'impresa della Georgia, la Coca-Cola.

Nel 1917 comincia a produrre aspirina - e comincia ad acquistare altre aziende.

Negli anni Quaranta è uno dei produttori principali di acido solforico e di altre sostanze chimiche di base.

Nel 1947 un cargo francese che trasporta fertilizzanti esplode in un porto del Texas vicino ad un impianto per la produzione di plastica della Monsanto. E' uno dei primi disastri dell'industria chimica, muoiono 500persone.

Nel 1955 la Monsanto è la prima azienda al mondo ad introdurre la tecnologia Ibm per l'elaborazione dei dati. Tre anni dopo apre un impianto per la produzione di silicio ultrapuro. Negli anni Sessanta si lancia sul mercato dei prodotti per l'agricoltura con nuovi erbicidi e insetticidi, e nuovi uffici cominciano ad aprire in tutto il mondo. Un gruppo di reduci del Vietnam cita in tribunale la Monsanto, insieme ad altre sette imprese, per i danni subiti a causa dell'Agente arancio, il defogliante usato dall'esercito statunitense in Vietnam.

Negli anni che seguono, e ancora oggi, la multinazionale di Saint Louis produce l'erbicida più venduto al mondo, conosciuto con il nome di Round-up. Questo erbicida, agisce solo sulle piante infestanti e non sulle colture genericamente manipolale (soia. mais, barbabietola da zucchero e colza) che sono state rese resistenti al Roundup (principio attivo: glifosato), grazie all’introduzione di un gene che gli permette di poter tollerare una dose tripla di questo erbicida.

Ma il brevetto sul Round-up scade nel 2000 e la concorrenza potrà vendere prodotti identici. Ecco perché da una decina di anni la Monsanto sta sviluppando nuove varietà di piante resistenti al Round-up (gli agricoltori potranno così cospargere le colture di Round-up uccidendo tutte le piante tranne quelle resistenti al diserbante). Dalla metà degli anni Novanta, la Monsanto punta sempre di più sulla Ricerca biotecnologica, sviluppando piante, alimenti e anche farmaci. E' della fine di settembre 1999 l'annuncio della creazione di piante geneticamente manipolate che producono plastica biodegradabile.

DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation