venerdì 10 luglio 2020   
  Cerca  
 
wwwalkemia.gif
  Login  
Medio Oriente » Quella israeliana è una aggressione senza ritegno  
"Quella israeliana è una aggressione senza ritegno"
Miguel d'Escoto Brockmann*
 
Versione integrale del messaggio del Presidente dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Miguel d'Escoto Brockmann, per l'offensiva israeliana a Gaza. Datato 27 dicembre, per strani motivi il documento, non è stato finora ripreso dai mezzi d'informazione
 
"Il comportamento di Israele nel bombardare Gaza è semplicemente un atto di aggressione senza ritegno da parte di uno stato molto potente verso un territorio che occupa illegalmente. È giunto il momento di intervenire con fermezza se le Nazioni Unite non vogliono essere giustamente accusate di complicità per omissione. Gli attacchi aerei israeliani sulla Striscia di Gaza rappresentano gravi e smisurate violazioni del diritto umanitario internazionale, così come definito dalle Convenzioni di Ginevra, sia per quanto riguarda gli obblighi di una potenza occupante sia per le disposizioni delle leggi di guerra.
Tali violazioni comprendono:
Punizione collettiva – perché l'intera popolazione che vive ammassata nella striscia di Gaza (1,5 milioni di persone) viene punita per le azioni di un pugno di militanti.
Colpire i civili – gli attacchi aerei sono diretti contro aree civili in uno dei luoghi più affollati del mondo, certamente la più densamente popolata del Medio Oriente.
Sproporzionata risposta militare – gli attacchi aerei non solo hanno distrutto tutte gli uffici della polizia e delle forze di sicurezza del governo eletto di Gaza, ma hanno ucciso e ferito centinaia di civili; secondo quello che riferiscono, almeno un attacco ha colpito un gruppo di studenti che cercava di tornare a casa dall'università.
Mi permetto di ricordare a tutti gli stati membri delle Nazioni Unite che l'ONU continua a essere vincolata all'obbligo di proteggere ogni popolazione civile da gravi violazioni del diritto umanitario internazional indipendentemente da quale paese possa essere responsabile di tali violazioni. Chiedo a tutti gli stati membri, come anche ai funzionari e ogni organo pertinente del sistema delle Nazioni Unite, di pressare rapidamente non solo per condannare le gravi violazioni di Israele, ma anche di sviluppare nuovi approcci per garantire la reale protezione per il popolo palestinese" .

 * Presidente dell'Assemblea Generale dell'ONU

(Traduzione MISNA)
DotNetNuke® is copyright 2002-2020 by DotNetNuke Corporation