martedì 19 febbraio 2019   
  Cerca  
 

wwwalkemia.gif
  Login  
Home1 » Pianeta Terra » Econanopatologie conferenza Modena  
ECONANOPATOLOGIE: IL LEGAME CON GLI INCENERITORI DI RIFIUTI


A Modena stanno aumentando i casi di tumore e, con i  tumori, si registrano numeri preoccupanti di malattie  cardiovascolari e di aborti spontanei. Le cause possono essere molteplici, ma una è certamente l’inquinamento.
In questa conferenza, infatti, si sono esaminate le origini e le ragioni del recente dibattito sull’opportunità di costruire nuovi inceneritori in Italia, originato in parte dalla campagna del ricercatore modenese Stefano Montanari sul soggetto delle “nanopatologie”. Dati recenti derivati da studi scientifici riportati sulla letteratura internazionale indicano che le nanopolveri emesse da processi di combustione ad alta temperatura potrebbero essere molto più dannose di quanto non si ritenesse fino a non molto tempo fa. In particolare, le norme attuali non sarebbero adeguate per tener conto dei danni che causano. Per quanto riguarda gli inceneritori, anche se non siamo in grado per ora di quantificare l’entità del rischio, è noto che i filtri attuali non sono in grado di bloccare completamente le emissioni di polveri molto fini. In ogni caso, il concetto stesso di incenerimento dei rifiuti potrebbe essere reso rapidamente obsoleto da una serie di fattori che includono, oltre ai danni dovuti alle nanopolveri, la necessità di ridurre le emissioni di gas-serra per contrastare il riscaldamento globale e la nuova realtà emergente di difficoltà di approvvigionamento delle materie prime.

I ricercatori:
Dott.ssa Antonietta Gatti  - CNR Faenza
Dott. Stefano Montanari   - Direttore scientifico laboratorio Nanodiagnostics
Prof. Beniamino Palmieri  - Università degli studi di Modena e Reggio Emilia

Hanno Illustrato lo stato delle ricerche e risposto alle domande del pubblico.

1° Parte     2° Parte 



Conferenza organizzata da Associazione - VITA AL MICROSCOPIO
DotNetNuke® is copyright 2002-2019 by DotNetNuke Corporation