lunedì 6 luglio 2020   
  Cerca  
 
wwwalkemia.gif
  Login  
Medio Oriente » Il terremoto di Van  

  

Il terremoto nella regione di Van è avvenuto il 23 ottobre 2011 alle 13 e 41 ora locale con una scossa di magnitudo 7.2 della scala Richter durata di 25 secondi e con una forte replica (5.6 Richter) dopo circa 15minuti.  Il totale delle vittime è stato di 648 morti. Sulla gestione degli aiuti, ritenuti insufficienti, c’è stata molta polemica, così come per la bassa percentuale d’edifici costruiti seguendo norme antisismiche (solo il 9% degli edifici a Van è risultato a prova di sisma).  Il governo turco che, in un primo momento aveva rifiutato varie richieste d’aiuti internazionali, accettando solo quelli dei paesi immediatamente confinanti, come l’Azerbaijan, Iran e Bulgaria, era stato costretto, per la carenza di tende necessarie ai terremotati, a rivedere la propria posizione. Non tutti sono stati disponibili ad aiutare la popolazione curda di questa regione, come dimostrano le affermazioni di una nota conduttrice televisiva. Muge Anli del canale Atv ha, infatti, dichiarato: “Prima tirano le pietre e ci danno la caccia e poi chiedono aiuto. I poliziotti sono immediatamente corsi ad aiutarvi e ora da quei poliziotti, a cui di solito tirate le pietre, volete ricevere aiuto”. La frase è stata condannata da parte di tutti i partiti politici, ma le parole usate da Muge Anli sono la dimostrazione dell’opinione della parte più nazionalista della società turca, pervasa da un forte sentimento anti-curdo, specialmente da quando il conflitto tra esercito e indipendentisti del PKK si è intensificato. La seconda grande scossa avvenuta il 10 novembre (5.6 scala Richter) ha provocato altre vittime e crolli d’edifici. Le abitazioni crollate o inagibili sono più di 8000. Il centro più colpito è stato quello di Ercis, a nord di Van, su un ramo del grande lago omonimo: una zona che dal 23 ottobre al 10 novembre è stata martoriata da oltre 2.300 scosse d’assestamento, di cui almeno sette di magnitudo fra 5 e 6. La popolazione già così provata e costretta a vivere in oltre 40 mila tende, con la scossa del 10 novembre è ripiombata nel panico ed è fuggita per le strade

TORNA ALL'ARTICOLO

DotNetNuke® is copyright 2002-2020 by DotNetNuke Corporation