mercoledì 12 dicembre 2018   
  Cerca  
 
wwwalkemia.gif
  Login  
Medio Oriente » Newsletter Osservatorio Iraq  

Newsletter Osservatorio Iraq

1/2008:  dal 19 dicembre 2007 al 10 gennaio 2008

Cattive notizie dall’Iraq

Nonostante i proclami trionfalistici della Casa Bianca, sono molti i segnali che non fanno presagire nulla di buono per il futuro del Paese. Nel complesso, il 2007 è stato uno degli anni più sanguinosi dall’inizio della guerra, e anche la recente diminuzione del numero dei profughi sarebbe da attribuirsi alle nuove forti restrizioni poste dai Paesi confinanti piuttosto al calo della violenza. Di fatto, l’Iraq resta profondamente lacerato, e a tenerlo insieme è unicamente l’odio nei confronti dell’occupante Usa.

Iraq, Il 2007 “tragedia devastante” per i civili iracheni

Ornella Sangiovanni - Osservatorio Iraq

Iraq, La “surge”: illusione e realtà

Conn Hallinan - Foreign Policy in Focus

Iraq: sofferenza infinita

Zaki Chehab - New Statesman

Iraq, Meno rifugiati per le restrizioni sui visti, dice l’Onu

Ornella Sangiovanni - Osservatorio Iraq

Iraq, Rientrati 46.000 rifugiati, dice la Mezzaluna Rossa

Osservatorio Iraq

Iraq, la vittoria dei localismi

Charles Tripp - Le Monde Diplomatique

Iraq: E' l'invasione Usa la causa della discordia, dice un sondaggio

Ornella Sangiovanni - Osservatorio Iraq

Solo una cosa unisce l’Iraq: l’odio per gli Usa

Patrick Cockburn - The Independent

Turchia e Usa, insieme contro il Pkk

Dopo mesi di minacce - e grazie all’aperto sostegno di Washington - le truppe di Ankara sono entrate in nord Iraq. A farne le spese è la popolazione kurda irachena, che sta già abbandonando in massa case e villaggi, così come quella delle città del sudest turco, tornate al clima di guerra degli anni novanta.

Turchia e Iraq: Raid oltre-confine

The Economist

Grazie al Pkk, Gul fa la pace con Bush. Ankara è sempre più lontana dall'Europa

Lucia Stella - Il Riformista

Fra Turchia e Iraq, dove il confine non esiste più

Orsola Casagrande - Il Manifesto

Le truppe di Ankara entrano in nord Iraq. Migliaia di civili in fuga

Carlo M. Miele - Osservatorio Iraq

L’autunno di Damasco

Dopo decenni di egemonia, la Siria sta perdendo la sua influenza nella regione per l'incapacità di adattarsi ai cambiamenti internazionali. E sul fronte interno le speranze di iniziativa democratica - suscitate dall’arrivo al potere di Bashar Assad nel 2000 - sono state soffocate da una nuova svolta autoritaria.

Isolata e senza strategia politica: la Siria soffoca nell'ancien régime

Mayed Kayalli - Al-Hayat

Siria, arresti di massa per i membri della Dichiarazione di Damasco
Carlo M. Miele - Osservatorio Iraq

 
OsservatorioIraq.it  è un progetto d'informazione della Associazione Un ponte per...  che  vuole continuare ad essere consultabile liberamente da chi vuole informarsi su quanto avviene in Medio Oriente. Ma per questo ha bisogno del tuo aiuto.

 
PUOI SOTTOSCRIVERE ORA CLICCANDO QUI

http://www.osservatorioiraq.it/pagina.php?doc=sostienici

Conto corrente postale 59927004
Conto Bancario 100790 ABI 05018 CAB 12100 CIN: P - Banca Popolare Etica
intestati ad "Un ponte per..."
causale : osservatorio iraq

DotNetNuke® is copyright 2002-2018 by DotNetNuke Corporation