sabato 23 settembre 2017   
  Cerca  
 
wwwalkemia.gif
  Login  
Medio Oriente » Risposta all'O.d.G.Modena - omicidi in Palestina  


OMICIDI IN PALESTINA
A MODENA IN CONSIGLIO COMUNALE UNA DISCUSSIONE MANCATA

di Mirca Garuti


Ancora una volta a Modena, in Consiglio comunale, la questione del conflitto Israelo-Palestinese è stata affrontata in modo superficiale e priva d’approfondimento. E’ sufficiente leggere l’Ordine del giorno, approvato il 3 luglio scorso, relativo agli ultimi avvenimenti che stanno sconvolgendo la terra di Palestina.
Si condanna l’assassinio dei quattro ragazzi senza prendere in considerazione che questo è solo la conseguenza dell’occupazione della Palestina da parte d’Israele e della cultura dell’odio alimentata dalla continua espansione delle colonie, insediamenti illegali, e dei continui soprusi perpetrati ai danni del popolo palestinese.
Troppo comodo commemorare quattro morti in Palestina ed esprimere anche l’incoraggiamento “a non smettere di perseguire la strada della ricerca della pace in Medio-oriente”. Il capogruppo del PD Paolo Trande e i consiglieri Federica Di Padova e Marco Forghieri, dovrebbero documentarsi e non usare strumentalmente fatti di cronaca per conquistarsi il ben volere dei cittadini. Sono state omesse, per esempio, le aggressioni da parte di alcuni estremisti della comunità ebraica di Roma nei confronti di manifestanti filo palestinesi, come non sono stati condannati gli spari contro la sede dell’Ambasciata Palestinese a Roma.
Si condanna, quando non si può fare altrimenti, ma il silenzio della comunità internazionale è evidente, come ha dichiarato Don Nandino Capovilla di Pax Christi, “…non stiamo parlando di uno scontro tra due eserciti, non stiamo parlando di un campo di battaglia. Il Patriarca attuale è stato chiarissimo in questi giorni - “Basta con questa logica di vendetta” - ma da parte della comunità internazionale, è necessaria una ripresa della chiarificazione, perché senza un congelamento immediato della colonizzazione, senza un ripristino dei diritti per tutti, nella stessa terra, l’incubo si avvolge solamente in una spirale, che può solo portare ad un peggioramento della situazione”.
L’informazione deve essere corretta e quell’Ordine del Giorno non lo è. Si cita “cordoglio e ferma condanna per i quattro giovani “barbaramente assassinati”. In verità, in merito alla morte dei tre giovani coloni israeliani, non c’è assolutamente chiarezza: gli esiti delle autopsie non sono stati rivelati, non si sa da chi siano stati rapiti, nessuno ha rivendicato questo atto politico. Chi aveva interesse a “rapire” questi tre coloni, in un momento in cui le forze politiche palestinesi avevano trovato un’unità nazionale e nuove elezioni?
Nel testo si definisce “arabo” il quarto giovane barbaramente assassinato, forse il nuovo Consiglio comunale ha paura di usare la parola “Palestinese” perché tale termine si parifica a quello di “terrorista”?
Mohamed Abu Khedir è un ragazzo palestinese del campo profughi di Shuaffat.
La commemorazione delle morti non centra nulla con le parole del Ministro degli esteri italiano, condivise dal Consiglio Comunale di Modena, che fa appello “affinché tutte le parti mostrino che chi attenta alla sicurezza di Israele non potrà prevalere minando la via del dialogo, unica speranza di pace vera e duratura nella regione”.  Ma, esprime così solo una posizione politica evidente nei confronti d’Israele giustificando ogni sua azione. Nulla è stato espresso nei confronti d’Israele, come invece ha fatto Amnesty International, rispetto all’escalation di violenza esercitata sulla popolazione civile nei territori occupati. Rastrellamenti, raid notturni, perquisizioni, blocchi stradali, completa chiusura di molte città, bombardamento sulla striscia di Gaza. Invasioni e assalti a campi profughi, ad oltre 1000 case, università e ad ambulatori medici. Sequestrati illegalmente più di 500 cittadini palestinesi, tra cui molti minorenni..
Solo attraverso la richiesta dell’applicazione delle numerosissime risoluzioni ONU, mai rispettate da Israele, gli Entri locali e le comunità internazionali possono dare un vero contributo ai processi di pace tra Palestinesi ed Israeliani.

07/07/2014

Comunicato Stampa del  Documento dell'O.D.G Consiglio comunale Modena

DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation