mercoledì 12 dicembre 2018   
  Cerca  
 
wwwalkemia.gif
  Login  
Medio Oriente » Testimonianza profughi  
UNA TESTIMONIANZA SUI PROFUGHI DEL CAMPO DI NAEHR EL BARED NEL LIBANO DEL NORD 

Riceviamo, da Elisabetta Filippi, presidente dell’associazione “Zaatar” di Genova,  una testimonianza diretta di una volontaria dell’associazione Assomoud,  dal campo di Beddawi, il giorno dopo la liberazione del campo di Naehr el Bared nel Nord del Libano.

Samira e' una volontaria di Assomoud, lavorava a Naehr el Bared ora come altri 26.000 palestinesi e' profuga qui a Beddawi, dove lavora al centro Assoumoud come "social worker", assiste i profughi. La sua famiglia possedeva 5 case, ora sono tutte distrutte. Mi accompagna in una delle 7 scuole dove sono alloggiate circa 500 famiglie.
E' una scuola dell'UNRWA. Ieri ingenuamente ho pensato che la notizia della fine del conflitto a Naehr el Bared, culminato con l'uccisione del leader di Fatah a Islam "Shaker al Abssi" e l'uccisione di altri 30 combattenti (ma qui le cifre sono discordanti), avesse portato un po' di felicita' per i profughi, ma visitando la scuola ho cambiato idea.
Nessuno e' felice, hanno perso tutto, hanno le case distrutte. Se qualcuno aveva dubbi sull'ostilita' dei palestinesi nei confronti di Fatah al Islam qui se li puo' togliere tutti, la popolazione civile si sente vittima tra loro e i soldati libanesi, prova rabbia nei confronti di entrambi.
La famiglia di Samira come tutte le altre si trova a condividere la stessa aula scolastica con altre 4 famiglie. La convivenza forzata in ambienti cosi' ristretti crea tensioni anche tra i profughi. La scuola e'affollata da circa un centinaio di famiglie, fa caldo, caldissimo, ci sono 50gradi e l'umidita' e' altissima. Tre bagni per gli uomini e tre bagni per le donne. Il rischio d'infezione, il disagio psichico... ad un certo punto non sono riuscita a trattenere le lacrime. Non sono riuscita a dire una sola parola di conforto... vivono in queste condizioni da 3 mesi. Samira mi spiega che i soldati libanesi hanno razziato le case e hanno rubato tutto quello che profughi avevano lasciato, mobili, vestiti, soldi, gioielli, tutti i loro averi. Nessuno dei profughi sa quando potra' ritornare al campo che dovra' in ogni caso essere bonificato dagli ordigni inesplosi. Un giornalista, entrato nel campo questa mattina, parlava di un odore insopportabile causato dai cadaveri. Sono state distrutte 6mila abitazioni.
Per la ricostruzione ci vorra' un anno, forse 2 ma molti temono che restino solo parole. Usciamo dal centro, fuori c'e' una barella su cui e' disteso un anziano, ha un tumore alle ossa e non puo' camminare. L'hanno messo all'esterno perche' e' piu' "fresco" Torniamo al Centro di Assomoud, dribblando decine e decine di bambini che giocano per strada tra i liquami e la spazzatura, ovunque un puzzo terribile, la rete fognaria gia' precaria non regge il triplicarsi della popolazione nel campo. Non ci sono spazi per giocare e in 2 giorni ho gia' visto diversi bambini con ferite anche serie al viso e alla testa dovute a cadute o a giochi pericolosi con le pietre. Al nostro arrivo al centro assisto al via vai continuo dei profughi, oggi vengono distribuite scarpe, soprattutto per i bambini (donate da Timberland?), coperte e un piccolo contributo economico.
Nella stanza accanto si distribuiscono medicine. Poi con Waida, la volontaria di cui sono ospite da oggi, vado a pranzo da Abdallah Barake, il direttore del centro Assomoud, anche lui  e' dovuto fuggire con la famiglia da Naehr el Bared nel cuore della notte e in pigiama. Vive in un palazzo vuoto, il proprietario e' un palestinese del campo che vive in Danimarca, cosi' tutto lo stabile e' stato destinato all'accoglienza dei profughi.
Certo qui le stanze sono piu' spaziose, c'e' pulizia rispetto alle scuole dove si trovano gli altri profughi. Ma fa impressione vedere che la famiglia Barake vive in un appartamento completamente vuoto, privo di qualunque mobile o suppellettile da 3 mesi, le uniche cose presenti sono alcune stuoie, alcuni materassi a terra e alcuni scatoloni con biancheria e abbigliamento, donate a loro come agli altri. Tutto cio' che possiede, compresi i documenti, sono rimasti a Naehr el Bared. La figlia Nada dovra' cambiare scuola, probabilmente ne frequentera' una qui a Beddawi, perche' quella del suo campo e' stata completamente distrutta.
Elisabetta (zaatar) 06/09/2007
DotNetNuke® is copyright 2002-2018 by DotNetNuke Corporation