mercoledì 13 novembre 2019   
  Cerca  
 
wwwalkemia.gif
  Login  
Natura e salute » L'ansia lo stress e l'agitazione  

L’ANSIA, LO STRESS E L’AGITAZIONE.

Le CAUSE

La vita moderna, con i suoi ritmi frenetici, è spesso causa di manifestazioni quali l’ansia e l’insonnia. Attività questa comunemente definita stressante.

E’ bene innanzitutto partire dallo stress che è definito come la somma delle reazioni messe in atto dall’organismo di fronte a un qualunque stimolo negativo, fisico, mentale od emozionale che tenda a perturbare l’equilibrio.

I problemi iniziano quando lo stress diventa sproporzionato rispetto alle nostre forze ed è allora che l'organismo manda dei segnali, una vera e propria richiesta di aiuto del nostro corpo. Una sorta di campanello d’allarme per avvertirci che abbiamo bisogno di una pausa.

Ma poichè noi in genere ignoriamo questi segnali per via degli impegni che la vita ci impone, ecco che ad un certo punto diventiamo irritabili, ansiosi, inadeguati e ci sembra di non riuscire a svolgere tutti i compiti che ci competono, sia per ciò che riguarda gli obblighi familiari, che per quelli di lavoro. Quando poi questo disagio diventa troppo intenso o ripetuto, si può arrivare a manifestare sintomi di depressione. Lo stress eccessivo cronico può portare addirittura a una maggior sensibilità dell'organismo alle infezioni e alle malattie, in quanto le nostre difese immunitarie diminuiscono.

Pertanto sarebbe opportuno non arrivare mai alle condizioni di stress.

Ma se questo non è possibile è bene ricorrere ad un aiuto esterno, aiuto che ci può essere offerto dalla natura con la sua solita ricchezza di piante officinali, molte delle quali hanno proprietà rilassanti, antistress. Queste piante ci possono aiutare a combattere l'ansia quando essa si manifesta, o l'insonnia prima che questa diventi troppo grave e richieda trattamenti farmacologici ben più pesanti rispetto al rimedio naturale che non presenta certamente, alcun effetto collaterale.

I RIMEDI

Le piante maggiormente utilizzate per combattere l'ansia nelle sue varie forme e manifestazioni sono molte. Come molti sono anche i loro campi d’impiego. Un composto che può essere scelto di volta in volta a seconda delle manifestazioni che l'ansia presenta.

Ad esempio quando l'ansia si presenta con palpitazioni cardiache (il cosiddetto cuore in gola), se queste non sono legate a fenomeni patologici ci può essere d'aiuto il biancospino che ha l'effetto di rilassare il sistema nervoso, ma anche di calmare il battito cardiaco troppo accelerato (tachicardia) e le palpitazioni.

Se invece l'ansia si manifesta maggiormente a carico dell'apparato digerente è senz'altro più adatta la melissa o il tiglio, mentre se è il sonno che viene alterato può essere più indicato l'uso della passiflora, dell'escolzia, della valeriana, dei fiori d'arancio, del rosolaccio e altre ancora, magari miscelate fra loro per potenziarne l'azione.
Se infine oltre all'ansia e ai disturbi del sonno subentrano anche sintomi di lieve depressione, come il malumore, la tristezza senza motivi apparenti, crisi di pianto, assenza di interesse verso le attività comuni, calo di energia, stanchezza e senso di impigrimento, senso di inutilità etc., prima che il disturbo diventi tanto grave da richiedere l'intervento di farmaci, la pianta più adatta è l'iperico; questa pianta ha la capacità di migliorare proprio il tono dell'umore senza gli importanti effetti collaterali dei farmaci di sintesi (ai quali comunque non deve essere mai associato). All'Iperico possiamo abbinare anche altre piante rilassanti come le suddette Passiflora e Melissa, se la depressione si accompagna ad ansia e irritabilità; invece sceglieremo di abbinare piante tonificanti, adattogene come ginseng o eleuterococco, se alla depressione si associa astenia, svogliatezza, stanchezza fisica e mentale.

Tutte queste piante si potranno assumere sotto forma di tisana, quando i disturbi sono di entità lieve o media; invece quando il problema è un po' più importante è meglio ricorrere a preparati già pronti, in capsule o in gocce, in cui i principi attivi siano concentrati e standardizzati, in modo da assumerli in quantità ben definite e costanti.

Qualora fosse possibile si consiglia di associare al trattamento interno l’utilizzo esterno di oli essenziali vaporizzati nei bruciatori d’essenze oppure l’utilizzo di olii da massaggio arricchiti con olii essenziali, tra cui: quello di verbena, melissa, lavanda, limone e arancio ecc. che ci aiutano a rilassare, dando una sensazione di benessere immediato. Esistono anche prodotti da bagno arricchiti di queste essenze.

Dott.ssa Daniela Tasselli
Centro Naturale San Francesco di Rubiera.

DotNetNuke® is copyright 2002-2019 by DotNetNuke Corporation