domenica 19 agosto 2018   
  Cerca  
 

wwwalkemia.gif
  Login  
editoriale » Fondo pensione  
 Text/HTML Riduci
Fondo pensione di categoria... questo sconosciuto!
di Bigfoots

Prima di pensare che la scelta di affidare i vostri soldi ad un fondo pensione di categoria sia stata la scelta vincente, provate a dare un'occhiata al vostro rendimento, a monitorare l’andamento delle vostre piccole azioni. Perché è di questo che si tratta, delle azioni a parole protette che spesso in realtà non lo sono. Prendiamo per esempio il fondapi  (www.fondapi.it <http://www.fondapi.it/>)  che ultimamente non va poi così bene e contattiamo il servizio aderenti. Scoprirete cose che noi umani paganti non potremmo nemmeno immaginare!!!

La  fitta comunicazione e corrispondenza con il servizio aderenti di FondApi comincia proprio nel luglio 2008:

Aderente: Pronto Fondapi?

Fondapi: Si, buon giorno, mi dica.

Ad: Salve, buon giorno, sono un vostro aderente al fondo. Volevo avere qualche informazione riguardo la mia situazione pensionistica integrativa investita presso di voi ad un anno di distanza dalla mia iscrizione presso il comparto Garanzia.

Fon.:  Ah si, prego mi dica.

Ad: Ieri ho controllato la mia situazione sul vostro sito internet ed ho notato che ad oggi ho versato "obbligatoriamente"  1.471,88€ ed ho notato che in realtà l'importo investito è solo di 1.439,66€ e che addirittura il controvalore delle quote è di 1.413,42€. Com'è possibile ciò?
60 euro di differenza pari al -4% di guadagno? Non siete un fondo pensione?
Non dovrei avere un saldo almeno positivo? Anche dello 0,0001%?

Fon:  Gentile affiliato, come noto e indicato regolarmente sulla nota informativa l'iscrizione al fondo pensione prevede un costo di iscrizione una tantum (11.36 euro) e un costo amministrativo di tenuta conto annuale ( 25 euro all'anno). Si tratta nel complesso di cifre molto basse ( un normale conto bancario o assicurativo le costerebbe molto di più ) .
Per sua conoscenza sul sito della Covip ( www.covip.it) sono riportati gli ISC ( indicatori sintetici dei costi) di tutti i fondi pensione (contrattuali e non ).
Come potrà verificare Fondapi presenta una dei valori più bassi rispetto al settore dei fondi negoziali e ampiamente più basso rispetto al valore di costo dei fondi pensione bancari e assicurativi.  .

Ad : Uhm capisco, ma così, in ogni caso, il guadagno del fondo non copre le spese note ed indicate!

Fon: Ma gentile Affiliato, non si preoccupi di tali inezie! Purtroppo questo periodo iniziale di investimento è stato particolarmente difficile e considerato che  si tratta di un comparto con una marginale quantità di azioni il rendimento è stato marginalmente negativo.
Come certamente saprà, se un lavoratore si iscrive al nostro Fondo pensione, e tenuto a versare il contributo del 1% ( ad esempio) del suo salario, riceve immediatamente anche l’1% dalla sua azienda.
Questo vuol dire che se versa tutto il tfr (che è il 6.91%) aggiungendo l'1%, ricevo l'1%!
Questo in pratica significa che riceve un rendimento implicito del 12.6%.


Ad: Ehm... aspetti... non capisco... Come mai lei mi parla dell'1%, del 12.6% implicito, i banner pubblicitari affissi al momento della scelta dello scorso giugno si parlava del 3-4% di rendita ed io invece mi ritrovo con un bel -4% piuttosto esplicito?
Mi  scusi, ma addirittura se io apro un comunissimo conto corrente bancario ricevo il 2-3% di guadagno annuale. Come mai allora voi, dopo un anno, siete stati solo in grado di darmi un bel -4%?
Poi, riflettendo meglio, mi sono accorto che, per fortuna, ho deciso di versare solo il tfr imposto dalla legge senza il contributo dell'azienda altrimenti, sempre rapportato al vostro -4%,  ci starei rimettendo ancora più soldi!

Fon:  Guardi, gentile aderente, le ricordo che la scelta di aderire alla previdenza complementare comporta almeno due vantaggi evidenti :
- di ricevere il contributo del datore di lavoro che altrimenti non avrebbe;
- una notevole vantaggio fiscale in accumulazione  .
 
Per quanto riguarda il confronto con il conto corrente , dunque , i citati vantaggi superano certamente in valore l'interesse da lei citato ( 2 - 3 % ).
E' nostra opinione tuttavia che si tratta di due investimenti non confrontabili in linea di principio:
tenere liquidità in conto corrente significa avere un basso rendimento certo a fronte di una disponibilità immediata (la tassazione è del 27 % sul rendimento).
Investire in previdenza complementare, significa rinunciare alla disponibilità immediata per avere un rendimento variabile ( incerto a meno della protezione che nel suo comparto lei ha acquistato) per accumulare nel lungo periodo a fini pensionistici. Ricevendo (tra gli altri)  i vantaggi citati con una tassazione dei rendimenti dell'11%.

Ad: Ehm... mi scusi ma continuo a non capire. La tassazione del 11% su un rendimento del -4% a quanto corrisponde in termini di denaro effettivo? Sicuramente meno di una tassazione del 27% su un rendimento del 2-3% certo?
Secondo me qui si sta cercando di affogare quelle che sono le reali potenzialità e le effettive prestazioni del vostro fondo sotto una spesa con oltre di percentuali senza il minimo significato pratico.
Io le porto in visione cifre ufficiali e non certo basate su conti, benchmark e visioni futuristiche di un mondo migliore. Mi spiega come passiamo dal 12,6% implicito ad un bel -4% esplicito?
Mi spiega perché voi in ogni caso vi trattenete 25€ all'anno per le spese amministrative se poi non amministrate positivamente la mia rendita?
Mi spiegate com'è possibile che il fondo garanzia riesca a perdere -4%, quando è strutturato con una bassissima percentuale di azioni?
Insomma mi spiega perchè sta continuando a dirmi che è tutto ok quando di ok con i miei soldi non c'è proprio nulla?
Pronto?
Pronto?


 Stampa   
DotNetNuke® is copyright 2002-2018 by DotNetNuke Corporation